Giorgio Bartocci

 

10629319_823806800985837_3711680782093219888_o

Divided between urban-art and public-design, Giorgio Bartocci acts as a semi-aware mouthpiece for the outcomes originated by the contemporary society’s constant inputs. Always busy in his figurative interplay of the complex urban structures and their social matters, on walls and canvases Giorgio re-creates a symbolic synthesis of the surreal liquid modernity’s habits around us.

In his abstract artworks in places – to be decoded – humanoid characters like ‘future primitives’ float at the mercy of encounters-clashes between stratified scenarios and multifaceted realities. Shades, superimpositions, sub-layers, silhouettes, signs and signals are never left to chance.

10648545_823807630985754_4431723034961753804_o

That tension the artist shapes is the same tension we all got stuck in; a creative tension which enriches Bartocci’s artworks with a very personal iconography, evocative and intimate as a forbidden desire”.

Giorgio Bartocci studied graphic-planning and visual-communication at the I.S.I.A. Institute, in Urbino, he realised many visual-design projects, art-shows and tasks for private authorities as well as for public institutions 8both national and international). Currently he works and lives in Milan.

madre_nostra_giorgio_bartocci_altrove_festival_catanzaro_2015_ph_angelo_jaroszuk_bogasz

(IT)

« Diviso tra urban-art e product-design, Giorgio Bartocci si fa portavoce semi-inconsapevole di una tensione creativa che scaturisce dai costanti input della società contemporanea.

Sempre impegnato nella sua interazione figurativa tra le complesse strutture urbane e i loro contesti sociali, su pareti e tele Giorgio ricrea una simbolica sintesi delle surreali routine da ‘modernità liquida’ che ci circondano.

p_003

Nelle sue opere a tratti astratte – da decodificare – personaggi umanoidi a mo’ di ‘primitivi del futuro’ fluttuano in balìa di incontri-scontri fra scenari stratificati e realtà multisfaccettate. Sfumature, sovrapposizioni, sottolivelli, silhouette, segni e sintomi non sono mai casuali.

La tensione cui dà forma l’artista è la stessa tensione in cui ognuno ristagna; una tensione creativa che in Bartocci dà i suoi frutti grazie a un’iconografia personalissima, evocativa e intima come un desiderio proibito ».

Giorgio Bartocci ha studiato progettazione grafica e comunicazione visiva all’I.S.I.A. di Urbino, ha realizzato numerosi progetti di visual-design, esposizioni e live-performance così come commissioni per enti privati e istituzioni pubbliche (sia nazionali che internazionali). Attualmente vive e lavora a Milano.

dsc_1001

SONY DSC

dream_and_tension_urban_canvas_varese_it_2015_ph_luca_strano_2